My childbirth - part II: welcome Anouk Munay // La storia del mio parto - parte II: benvenuta Anouk Munay

Birth of Anouk-27.jpg

Testo in italiano qui sotto.

In the delivery room

I'm relaxed and accepting about going to the hospital and the procedures suggested by the midwife. I knew it was the right choice and inside of me, I'm very aware of every single step that we've decided together. The most difficult part is that horrible drip with the tube on the back of my hand since I'm terrified of needles. A good breath before the next wave arrives and here I am, lying with some chords and tubes attached to me. At that moment I feel that it's different from home; that sterile smell of machines and gadgets. I don't like it, everything is white and I prefer the colors of my house. But in comes Maja. She has already changed her outfit, and now she's wearing a white hospital coat. I'm going to tell her what I think about it, but another wave arrives: "You looked better with those beautiful soft clothes you had on with the black battle boots". I breathe deeply. When the doctor next comes and checks me, I'm dilated 4 cm, but she also informs me that the heartbeat of the baby is dropping a bit during the strongest contractions... At that moment I know I must continue to be strong and not lose heart. "This little being is strong", I thought "and it can do it!". I continue my routine: pilates ball, counting, massage, walk, breathing. I concentrate, I relax and then again from the beginning. And like this for a few hours or maybe more. I no longer have any conception of time, even though there's a giant clock in front of me. Because for me, time has stopped for a while. Maja finishes her work shift and in her place arrives Anita, another experienced midwife. Inside of me, I feel a bit of sadness. I wish for Maja to stay. She knows perfectly my desires and wishes for the birth and how to motivate me. She works in perfect harmony with Stephanie and Kasper and by now we're a good team. Maja looks me in the eyes and says to me "Don't worry, I'll be back tonight or tomorrow morning to see this little one and get to know it! See you later." Anita is also full of energy and has read my letter with my birth wishes. She respects it and I know she wants to support me 100%. But I honestly feel that her energy is new and she, of course, doesn't know about the harmony we had with Maja. She doesn't know that I read and reread all the chapters of 'Orgasmic Birth' and that for months I studied a lot and researched all the information I could find on natural birth. She doesn't know that with this goal and desire, I practiced yoga every single day. But she's sensitive and understands everything. There she is, with me, Stephanie and Kasper, combative and strong, with a beautiful voice of encouragement. 

30 hours, it's time

It's now 30 hours since the water broke on the morning before. We talk with the midwife about inducing the birth, a procedure that the hospital would normally have been applying quite a few hours before where we are now. Kasper talks to the doctor and tries to understand the reasons and the alternatives: the alternative proposed by Maja was to take a break with a treatment of morphine for the pain in order to sleep and regain energy to continue the labor. After several check-ups, the doctor decides that it's too risky to give me the morphine and that the fetus is too much under stress to wait too much longer to be born. We have very few alternatives and despite the artificial induction was one of the things that I hoped wouldn't happen, we decided that too much time has passed since the water broke, and I'm now so exhausted that the time has come to find a solution. 

In the meantime, we try again with another acupuncture session with Anita. This time it's slightly painful and the dilation improves just a little bit. 

At this point, I finally opt for the induction. I think a lot about this choice, but the idea of being at the point of delivering without strength and the force to push out the baby by myself and find myself faced with decisions more important and even more unpleasant like that of a cesarean or others; this scares me a lot. Right now I decide to focus on the positive experience of the birth itself, all my energy leads me to concentrate on continuing to enjoy this experience as the incredible event it is. I'm aware of the fact that it's not exactly as I imagined it, but at the end, it's perfect like this, with an incredible team of supporters. My choice doesn't make me experience this as a disappointment, but as a lesson to compromise and puts me especially in front of the choice: "Do I want to continue to pursue the idea of having a positive experience of my delivery or do I want to be taken into the vortex of unhappy self-pity? " It's not easy, sometimes I feel that moment when I just want to say, “Now I give up!" or that the doctors do! But I don't have the time to lose heart. Anita hugs me, Stephanie holds my hand and Kasper kisses me: “You're wise and you're a strong rock!” he tells me. Now I'm determined to continue my positive experience and gather energy again. I return to connect with the baby inside of me. I think about sending her strength and energy to continue together, in harmony. I’m given the synthetic oxytocin called Syntocinon at the minimum dosage to start inducing the birth process. "Let's see how you react," says the doctor. 

The hours of fire, 33 hours in

The following two hours are the hours of fire. I can hardly focus on the waves and my positive affirmations because I feel that the lack of sleep is really hard to bear. My eyes are between giving up into rest and popping out. The intensity of contractions is too much. I feel I have less control of the situation and I actually know why: I've read several times that induced birth often leads to contractions closer and more intense, and the moment of rest between one and the other is too short for me to find again my deep concentration. And so I lose my axis, I'm in tears and ask Kasper to please do something. I feel that he's shaken, he knows that I'm at my limit. It’s been more than 30 hours that I’ve been in full labor and for me, at that moment it's too much. The heartbeats of the fetus are constant, but in the machine, the contractions have high peaks. I try injections of saline water under the skin in my back. They hurt quite a lot and they should counteract the pain of the waves but they just seem to hurt. I've been a lion so far and now my body is asking me for a break. I'd like to keep my center, but it's so difficult for me. I look at Kasper with eyes saying "Help me!". He closes his eyes, breathes deeply and tells me: "Maybe it's time to get the anesthesia. Your body is very strong, but it's exhausted now." He's right. And so, I accept the anesthesia. The dosage is set at the minimum, but the difficult moments are more bearable now and I can rest a bit. I'm surprised because I thought I wouldn't have felt anything from the waist down, but the contractions are perfectly clear and I go back to concentrating. Upon the arrival of the anesthetist and nurse, my midwife stops them immediately before they can enter and tells them: "Before entering the room, it's important to inform you that Raquel in her plan has wished for a totally natural birth and that therefore this could be a disappointment to her. It's important that you're aware of it." (This gesture was communicated to me later and I really appreciated it). I feel at this point that I have to rest deeply but the contractions are still intense. Anita finishes her shift and has to go. She leaves us, hugging me tightly. A few minutes later Maja returns. Here she is! She says to me, "I didn't want to miss this birth!" With her returned an immense force. I understood that we were almost there. "Maja, let's get this little one out!". She examines me right away, I'm 8 cm open. Stephanie is there every second, she squeezes my hand and gives me strength and extreme tranquility. That is her wisdom. Here we are. 

The Birth

I forget about resting. Now I have to give birth. This transition happens so quickly that all of a sudden I really realize that this story of labor is not only my story, but above all the story of my child. I realize that in a few hours I'll become a mother. I almost haven't believed this until now. Everything happens so intensely and so quickly that I didn't realize: Am I ready to become a mother? Maybe... Indeed YES, hell yes! I feel ready! There is no time for reflections. Now I have to give birth! The contractions are now completely different, they are urgent, I feel I have to push, but Maja looks at me and tells me to wait a minute. It's an incredible feeling, almost as if there was no other alternative for me than pushing, but I try to listen to it. You know, I want to do my best not to tear myself. Maja also knows that I don't want to give birth lying on my back. In fact, she immediately tells me: "Trust me, follow all my indications and you will not tear. I promise you will get to do everything you wanted". I have trust, you know, my body knows everything needed. I feel more and more strength inside of me. Kasper is with me on one side and on the other always my dear Stephanie, holding my hand and shoulder, her eyes infusing courage. She knows how it is; she has three beautiful children, a 3-year-old, a couple of twins and thus three different births behind her. And she's so tough, I have a lot of admiration for her. 

"From now on you can push!" says Maja. An incredible liberation: being here and finally active in this birth. I feel very strong. I connect to the maximum with my body. I'm on my knees and resting on the bed with the support of a big pillow. I feel the music, it's my favorite playlist, that of my yoga practice these months. Kasper sings with me. At his side, the doctor with her hands in her pocket checks the panel of the monitor and doesn't hold back, humming with the music, swaying from side to side with the rhythm, almost dancing. It's a nice atmosphere, I feel it, it's incredible and I continuously feel stronger and stronger. I tell Maja that I'm going to put myself in a squatting position and she tells me it's fine. I feel that this is a natural position for me. At that moment I remember the words of my grandfather who advised this position for the pushing. In two seconds I put myself in the position with no support and everyone is surprised by my "agility". For me, it's just pure instinct. I think of that fantastic rope with knots hanging on the wall of our room that Kasper built for me to hang in for the pushes... But why don't they have this here in the hospital? It would be so useful now. 

I continue to go along with the pushes and I'm fine. "It won't be long before the head comes out," says Maja - "You can't go back now, I think to myself. I'll be a mother soon! Damn, it sounds strange!" Kasper gives way to the doctor, and with great speed, I grab her hand and then her shoulder. "The head is out!" I almost don't believe it. Maja suddenly exclaims: "Oh wouw, it opened the eyes and just made a sound!" I'm officially in another universe. I almost don't hear, I don't speak and I don't see. I'm beyond all the stars ever seen and even beyond. I change position and I move to lay sideways. I understand now that Kasper is ready to receive the small one. I push once, with all the force I have and I hear the cry. Its first breath. And it's Kasper who gently places the newborn on my chest, this beautiful being, still wet and covered in her protective white layer of waxy fat. I'm incredulous: a new life is in the world with us!

Birth of Anouk-3.jpg

I lift her up in my arms and I cry out: "It’s a girl!" Kasper kisses and hugs me as the little a makes a leap up my chest with strong legs and wide open eyes, looking for my breasts with incredible enthusiasm. She's very strong. She's gorgeous. I'm a mother. And our little one that has been so present in my dreams is here with me, now on my chest. 

The moment just after the birth 

The moment after delivery is just amazing. Stephanie and Kasper managed to get both photos and a video of everything all up until the baby was born. And with a crazy discretion, so much so that I haven’t even noticed. Stephanie was truly my guardian angel, an incredible doula, my shadow in these hours, attentive, strong, motivating, active and a wise support. She was there every moment for us. Maja, a steady rock and a true midwife, full of experience and knowledge (I know that for years she worked in Greenland in the most remote places), with a beautiful voice and perfect guidance. She becomes my idol from the beginning.

Birth of Anouk-15.jpg

After pushing the placenta for the last time, we left the birthing room and all in absolute peace. We were pampered for hours and our little lotus birth was respected until we decided to cut the chord a few hours later. The baby was not washed, no one took her away for a second. Maja with sweetness and patience examined my placenta, showing me every part of it and how it works and how wonderful it is, that in Danish it's called 'the mother's cake'. I love this name. It's really a small tree of life. Maja gently wraps it and puts it in a bag, “I'll keep it in the fridge for you" she tells me, “and when you leave, you know where it is". We talked several times about how to celebrate the placenta after the birth of the baby, but we haven't decided yet. I know it can sound strange, but my placenta is in our freezer for now. 

Birth of Anouk-21.jpg

Once he had cut the umbilical cord, Kasper enjoyed a beautiful half hour with the small one directly on his bare chest, skin-to-skin, and I went in the shower. I felt so strange and all wrapped in this strange, new and golden, sweet slowness. Time stood still. The following hours were incredible: me, Kasper and the little girl in an embrace under the blanket, enveloped in a deep love. I almost didn't sleep that night. I was so excited and I couldn't believe that after 37 hours of labor I had in my arms the miracle of life and that the universe had decided that this would happen as such an incredible journey. The next day I was happy, tired, with this cocktail of indescribable emotions. Hand in hand, Kasper, I and the little girl headed home and as Maja promised me, I made the stairs on foot with a really incredible ease (I hadn't suffered any laceration, tears or other problems). It seemed so simple and natural despite the very long path and tough moments. 

This is the story of my birth and how sometimes it's difficult or impossible to plan and predict. Having a direction, a vision, the knowledge and the means to go through this experience has allowed me to concentrate on the mantra:

"I'm strong and my power comes from the universe. I'm patient and assimilate the times of the earth, I trust in the sacred wisdom of my body. I allow myself to go beyond my fears and limitations. All of us women know how to give birth."

I loved every single moment albeit beyond all expectations. The support of Kasper, my beloved doula and friend, Stephanie and the incredible midwife Maja was ESSENTIAL and they accompanied me in every single step towards a pleasant experience and despite the difficulties, my delivery was conscious, aware and loving. 

belly.jpg

 This is the story of how, one spring day, Anouk Munay came into the world. 

She: a part of me, a part of Kasper and the rest from the universe and the stars.

 

Nunu-26.jpg

La storia del mio parto-parte II: Benvenuta Anouk Munay

In sala parto

Sono rilassata e ho accettato le procedure dell'ospedale, so che é la scelta giusta e dentro di me sono molto consapevole di ogni singolo step deciso insieme. La parte piú difficile è quell'orribile flebo con il tubicino sul dorso della mia mano, ora sì che ho il terrore degli aghi, un bel respiro prima che arrivi la contrazione ed ecco che ho un po' di fili attaccati a me. In quel momento sento che é diverso da casa, quell'odore sterile di quei macchinari ed aggeggi non mi piace, tutto é bianco e preferisco i colori della mia casa. 

Ecco che torna Maja, si é giá cambiata, ora ha il camice bianco, sto per dirle quello che penso, ma arriva un'altra onda, "ti stavano meglio quei bei vestiti morbidi che avevi prima con gli anfibi neri da battaglia". Respiro. Profondamente.

Sono dilatata di 4cm e il medico mi visita, sembra che li battito della creaturina cali durante le contrazioni piú forti. L'ostetrica e il medico mi informano. In quel momento so di dover continuare ad essere forte e non perdermi d'animo, questo esserino é forte, pensavo, e ce la fará. Continuo la mia routine, palla, conto, massaggi, cammino, respiro, mi concentro, mi rilasso e di nuovo da capo. Cosí per qualche ora, forse un paio, forse di piú. Non capisco piú che ore siano, anche se di fronte a me c'é un orologio gigante, per me il tempo si é fermato da un po'.

Maja finisce il turno ed al posto suo arriva Anita, un'altra ostetrica. Dentro di me sento un po' di tristezza, vorrei che rimanesse, lei conosce perfettamente i miei desideri e sa come motivarmi, lavora in perfetta sintonia con Stephanie e Kasper e ormai siamo un bel team. Mi guarda negli occhi e mi dice “Stai tranquilla che di sicuro torno stanotte o domattina per vedere questo scricciolino e conoscerlo!”. La saluto. Anita é anche lei piena di energie e ha letto la mia lettera con i miei desideri per il parto. La rispetta molto e so che mi vuole supportare al 100%. Sento peró in tutta onestá che la sua energia é nuova e non conosce la sintonia che avevo con Maja, non sa che ho letto e riletto tutti i capitoli di "Orgasmic birth" e che per mesi ho letto moltissimo e ricercato ogni informazione sul parto naturale, lei non sa che con questo obiettivo e desiderio ho praticato yoga ogni singolo giorno. Lei però intuisce tutto, è lí con me Stephanie e Kasper, combattiva  e forte, con una bella voce di incoraggiamento.

30 ore, é arrivato il momento!

Sono passate 30 ore dalla rottura delle acque. Con Anita parliamo di indurre il parto, procedura che normalmente l'ospedale avrebbe applicato da un bel po' di ore. Kasper parla con la dottoressa e cerca i capire le motivazioni e le alternative: la proposta di Maja era di fare una pausa con un trattamento a base di morfina per il dolore in modo tale da poter dormire e riprendere le energie per proseguire il travaglio. Il medico, dopo vari accertamenti, decide che é troppo rischioso somministrarmi la morfina e che il feto é troppo sotto stress per aspettare ancora a nascere. Abbiamo pochissime alternative e nonostante l'induzione chimica fosse una delle cose che speravo non accadesse, decidiamo che é passato troppo tempo dal momento della rottura delle acque, sono ormai esausta ed é quindi arrivato il momento di trovare una soluzione. Nel frattempo ritentiamo con un’altra sessione di agopuntura con Anita, questa volta é leggermente doloroso e la dilatazione migliora giusto un pochino.

Opto per l’induzione, rifletto molto su questa scelta, ma l'idea di arrivare al parto vero e proprio senza forze, senza poter spingere da sola e trovarmi di fronte a decisioni più importanti e ancor più spiacevoli come quella di un parto cesareo o altro, questo sí che mi spaventa molto.

In questo momento decido di focalizzarmi sull'esperienza positiva del parto in sé, tutte le mie energie mi portano a concentrarmi per continuare a godermi quest'esperienza come evento incredibile, sono consapevole del fatto che non é proprio come me lo immaginavo, ma alla fine é perfetto cosí, con un team incredibile di sostenitori. La mia scelta non mi fa vivere quest'esperienza come una delusione, ma come una lezione al compromesso e mi mette soprattutto di fronte alla scelta: " Voglio continuare a perseguire l'idea di avere un'esperienza positiva del mio parto o voglio farmi prendere dal vortice dell'infelice autocommiserazione?" Non è semplice, a volte sento quel momento in cui mi dico, ora mi arrendo! che lo facciano i medici! Ma non ho il tempo per farmi perder d’animo.

Anita mi abbraccia, Stephanie mi tiene la mano e Kasper mi bacia: " Sei saggia e sei una roccia fortissima!" mi dice. Ora sono determinata a continuare la mia esperienza positiva e raccogliere  nuovamente le energie. Ritorno a connettermi con il/la piccolo/a, dentro di me penso di mandarle forza ed energia per continuare insieme, in sintonia. Mi inducono il parto con Syntocinon, al minimo dosaggio. "Vediamo come reagisci" dice il medico.

Ore di fuoco, oltre le 33 ore

Le seguenti due ore sono le ore di fuoco, faccio fatica a focalizzarmi sulle onde e le mie affermazioni positive, perché sento che la mancanza di sonno é davvero difficile da sopportare, i miei occhi sono tra il chiudersi dal sonno e lo schizzar fuori per l'intensità delle contrazioni. Sento di aver meno controllo o per lo meno le redini della situazioni e so perché: ho letto varie volte che il parto indotto porta spesso a contrazioni piú riavvicinate e intense e il momento di riposo tra una e l'altra é troppo breve per me per ritrovare la massima concertazione. E cosí perdo il mio asse, sono in lacrime e prego Kasper di fare qualcosa, sento che é scosso, lui sa che sono al mio limite, sono piú di 30 ore che sono nel pieno del travaglio e per me in quel momento é troppo. I battiti del feto sono costanti, ma nella macchinetta le contrazioni hanno picchi alti. Provo le iniezioni d’acqua distillata sulla schiena e queste sí che fanno male, dovrebbero contrastare le pressioni, ma le boccio subito.

Sono stata un leone finora ed ora il mio corpo mi sta chiedendo una pausa, vorrei mantenere il mio centro, ma mi è cosí difficile.

Chiedo a Kasper "Mi aiuti?". Lui chiude gli occhi e mi dice "Forse é arrivato il momento di ricevere l'anestesia, il tuo corpo é fortissimo, ma é esausto ora." Ha ragione. E cosí, accetto l'anestesia. Il dosaggio é minimo, ma i momenti difficili sono piú sopportabili ora e riesco a riposare un minimo. Sono sorpresa perché pensavo che non avrei sentito nulla, invece le contrazioni sono perfettamente chiare e torno a concentrarmi. Al momento dell’arrivo dell’anestesista e infermiera, la mia ostetrica li ferma subito e li avvisa "Prima di entrare in sala, é importante che vi informi che Raquel nel suo piano in realtá sperava di contare su un parto totalmente naturale e che quindi questo potrebbe essere una delusione per lei. È importante che voi ne siate consapevoli." (Questo gesto mi é stato comunicato in seguito e l'ho davvero apprezzato).

Sento di dovermi riposare profondamente ma le contrazioni sono comunque intense. Anita finisce il turno e deve andare, ci lascia, mi abbraccia forte. 

Qualche minuto dopo torna Maja, eccola! Mi dice "Non volevo perdermi questo parto!". Con lei é tornata una forza immensa. Ho capito che quasi c'eravamo. "Maja, facciamo nascere questa creatura!". Mi esamina subito, sono dilatata 8 cm. Stephanie è lì ogni minuto, mi stringe la mano e mi infonde forza e una tranquillità estrema, quella è la sua saggezza. Ci siamo.

Ci siamo!

Birth of Anouk-27.jpg

Il riposino proprio me lo scordo. Devo partorire. Questa transizione succede cosí velocemente che tutto d'un tratto realizzo davvero che questa storia del travaglio non é solo la mia storia ma soprattutto quella di mio/a figlio/a, realizzo che da lí a poche ore divento madre. 

Non ci credevo quasi prima. Tutto succede cosí intensamente e velocemente, non ho realizzato: Sono pronta a diventare madre? Forse. Anzi sí, checcavolo, mi sento pronta! Non c’è tempo per le riflessioni. Ora devo partorire!

Le contrazioni ora sono completamente diverse, sono urgenti, sento di dover spingere, Maja mi guarda e dice di aspettare un attimino.  E´una sensazione incredibile quasi come se non ci fosse altra alternativa per me se non spingere, ma provo ad ascoltarla. Lei sa che desidero fare il possibile per non lacerarmi e perché sia io a spingere con le mie forze. Sa anche che non voglio partorire da sdraiata sulla schiena.

Lei infatti mi dice subito: "Fidati di me, segui ogni mia indicazione e non ti lacererai, ti prometto faremo il possibile". Mi fido, lei sa, il mio corpo sa tutto. Sento sempre piú forza dentro di me. Kasper é con me da un lato e dall'altro sempre la mia cara Stephanie, mi tiene la mia mano e la spalla, i suoi occhi infondono coraggio. Lei sa com’è, ha tre bellissimi figli: uno di 3 anni e due gemelle e avuti con tre parti diversi. E lei sì che è tosta, ho molta ammirazione per lei.

"Da adesso in poi puoi spingere!" dice Maja. Una liberazione incredibile: essere lí e finalmente attiva in questo parto. Mi sento fortissima. Mi connetto al massimo col mio corpo. Sono sulle ginocchia e appoggiata allo schienale del letto con un supporto di un cuscino grande. Sento la musica, é la mia playlist preferita, quella della mia pratica di yoga di questi mesi. Kasper canta con me. Al suo fianco la dottoressa con le mani in tasca controlla il pannello del monitor e non si trattiene, canticchia la musica anche lei dondolandosi quasi danzando. È una bella atmosfera, lo sento, é incredibile ed io mi sento sempre piú forte. Dico a Maja che ho intenzione di mettermi in posizione di squatting e lei mi dice cha va benissimo. Sento proprio che quella é una posizione naturale per me. In quel momento ricordo le parole di mio nonno che consigliava proprio questa posizione per le spinte. In due secondi mi metto in posizione e tutti sono sorpresi dalla mia "agilitá", per me é solo puro istinto. Penso a quella fantastica corda di lenzuola annodate appesa al muro della nostra sala che Kasper mi ha costruito per le spinte...Ma perché non ce l'hanno qui in ospedale? Mi sarebbe utilissima ora.

Continuo ad assecondare le spinte e sto bene, "manca poco e la testa esce" dice Maja - Non si può più tornare indietro penso, fra poco sarò madre, accidenti come suona strano!

Kasper lascia il posto alla dottoressa, in velocità assoluta le afferro la mano e poi la spalla. "La testa é fuori!" quasi non ci credo. Maja: “Oddio ha aperto gli occhi e ha appena fatto un versetto!"

Sono ufficialmente in un'altro universo, quasi non sento, non parlo e non vedo. Sono oltre le stelle mai viste e oltre. Cambio posizione e mi metto lateralmente.

Capisco ora che Kasper é pronto a ricevere il/a piccolo/a. Spingo una volta, con tutta la voce che ho e sento il suo grido.

Il suo primo respiro.

Ed è Kasper a pormi sul petto questo esserino stupendo, sono incredula: una nuova vita al mondo con noi!

Birth of Anouk-3.jpg

La alzo e grido: E´una bimba! Kasper mi bacia e abbraccia, la piccola fa un saltone con le gambe e ha gli occhi sbarrati, cerca il mio seno con una foga incredibile. E fortissima. E´ bellissima.

Sono madre. E la nostra piccola tanto presente nei miei sogni é qui con me, ora sul mio petto.

Il momento dopo il parto

È incredibile Stephanie e Kasper sono riusciti a riprendere tutto con la telecamera fino al momento in cui la piccola è nata. E con una discrezione pazzesca, tant’è che non me ne sono accorta. Stephanie è stata il mio angelo custode, una doula incredibile, la mia ombra in queste ore, attenta, forte, motivatrice, un sostegno forte, attiva, saggia. Lei era lì ogni istante per noi.

Maja una roccia e una levatrice come nei film tosta, piena di esperienza e conoscenze (so infatti che per anni ha lavorato in Groenlandia nei posti più sperduti),  la sua voce è bella e una guida davvero piacevole. Lei diventa sin dall’inizio il mio idolo.

Birth of Anouk-15.jpg

Dopo aver spinto per l'ultima volta la placenta é uscita e in pace assoluta ci siamo coccolati per ore e il nostro piccolo lotus birth é stato rispettato fino a quando abbiamo deciso noi di tagliare il cordone qualche ora dopo.

La piccola non è stata lavata, nessuno me l’ha tolta neanche un secondo.

Maja con dolcezza e pazienza ha esaminato la mia placenta mostrandomi ogni sua parte e come funziona e di quanto sia magnifico che in danese si chiami "il dolce della mamma". Adoro questo nome. E´ un piccolo albero della vita. Maja la avvolge delicatamente e la inserisce in un sacchetto, "la tengo in frigo per te" mi dice, “quando andate via sai dov'é”. Abbiamo parlato varie volte di come celebrare la placenta dopo la nascita della piccola, ma ancora non abbiamo deciso e, so che puó suonar strano, ma la mia placenta é per ora nel nostro freezer.

Una volta tagliato il cordone ombelicale, Kasper si é goduto una bella mezz'ora con la piccola al petto, skin-to-skin ed io sono andata in doccia, mi sentivo cosí strana e avvolta da questa strana e nuova aurea di novitá e dolce lentezza, il tempo si era ancora fermato. Le ore successive sono state incredibili: io, Kasper e la piccolina abbracciati con una copertona, avvolti da un'amore profondo.

Non ho dormito quasi nulla, ero emozionata e non ci credevo che dopo 37 ore di travaglio avevo in braccio il miracolo della vita assoluto e che l'universo aveva deciso che questo accadesse in un percorso cosí incredibile.

Il giorno dopo ero felice, stanca sí , ma con questo cocktail di emozioni indescrivibili. Mano nella mano Kasper io e la piccola ci siamo diretti verso casa e come Maja mi aveva promesso ho fatto le scale a piedi con una facilitá davvero incredibile (non ho subito nessuna lacerazione o problemi), mi sembrava tutto cosí semplice e naturale nonostante il lunghissimo percorso e momenti tosti.

Questa é la storia del mio parto e di come a volte sia difficile o impossibile pianificare e prevedere. Avere una direzione, una visione, le conoscenze e i mezzi per attraversare questa esperienza mi ha permesso di concentrarmi sul mantra:

Io sono forte e il mio potere arriva dall'universo. Sono paziente e assimilo i tempi della terra, confido nella saggezza sacra del mio corpo. Mi permetto di andar oltre le mie paure e limitazioni. Tutte noi donne sappiamo partorire

 

Ho amato ogni singolo momento seppur al di fuori di ogni aspettativa. Il supporto di Kasper, la mia adorata doula e amica Stephanie e l'incredibile ostetrica Maja sono stati ESSENZIALI e mi hanno accompagnata in ogni singolo step verso una piacevolissima esperienza. Nonostante le difficoltá, il mio parto é stato cosciente, consapevole, amato.

Birth of Anouk-30.jpg

Questa é la storia di come, un giorno di primavera, Anouk Munay é venuta al mondo.

Lei: una parte di me, una parte di Kasper e il resto dell'universo e le stelle.

Nunu-26.jpg