Week 31: Questions & reflections // Settimana 31: Domande e riflessioni

Meditation is an amazing tool during pregnancy // La meditazione é uno strumento incredibile durante la gravidanza.

Meditation is an amazing tool during pregnancy // La meditazione é uno strumento incredibile durante la gravidanza.

Testo in italiano qui sotto.

During the Xmas holidays Kasper and I decided to take a few days of vacation, now a days by many called "Babymoon”. I was very determined to spend a couple of weeks in Thailand or as our second option, Oman. The first choice, apart from the sheer beauty of the place, was calling us to return to this wonderful country full of possibilities. I was already imagining receiving massage sessions every day and drinking coconut water in the mornings... but the trip from Denmark was definitely too long and the shortest flight we could have done was a minimum of 15 hours. The second option, Oman, turned up after several searches for "family friendly" countries where you could go hiking, but also being totally relaxed and where even the hygienic conditions were high. Everything was perfect when then we discovered that it is not really like you can just take a dip in your bikini in the sea. And since this was one of my big wishes, to let my belly out to breathe and be a bit 'in open air’ with less than 5 layers covering it. So we opted instead for the Canarian island of Tenerife, and it seemed a great compromise. Close to Africa and with sunshine, several hours of sunshine! And the sea, cool, but with the possibility to do all the dips you want. In bikini or without. With great food, and still a cheap option with incredible excursions open to us.

And here we are, drinking a nice fresh zumo (juice) and eaiting papaya in a fantastic Airbnb literally on the sea front. Magnificent! I could not wish for anything more. We finally got out time to do some relaxing in the sun now, just before doing a trip in our rented car to the famous Teide volcano (we will not climb all the way to the top).

Getting to Tenerife made me sigh with relief. I missed the sun and the light! I know that you get used to the rhythms and seasons of the North, but it seemed so strange to have a nice belly and not be able to shine a little bit of sun on the little one in there. Everyone has their own needs, but a small trip to the sun in January or February if you live up there is also necessary even when not pregnant!

Image 2018-03-05 12_03_16.40 PM.jpg

In recent weeks I’ve had many thoughts on pregnancy and motherhood in general. Sometimes they’re just thoughts that are transformed into deep reflections and which result in philosophical analysis from nothing. Other times they derive from external inputs such as books, films, conversations, etc. I had moments when I almost had to stop someone on the street to ask for their opinion. And there are so many things that pop up in my brain every minute. So many questions about my state and the famous "after". I’m now so full that I pretty much decided to give up finding answers, but to live more in the here and now.

Some of these questions, however, I feel are important to share here.

Will my life be the same as a woman after this arrival? And if you change so much, in what and how?

I have heard various stories and it’s perhaps useless to ask this question. I imagine my life will change radically since I’ll be a mother for the first time. I still don’t know our son / daughter and I don’t know how much I’ll be able to do compared to what I was used to doing. One thing that’s certain to me is that this new being will need so much attention and love. Our daily activities will change as well as our rhythms and I am very aware of this. I hope to continue my adventures in the company of the newcomer in the family and that the "growth" is a phase in which we will all participate. I feel, in fact, that I still have much to learn and share with the world and this puts me in a situation very similar to that of a child, of curiosity and enthusiasm. I hope that this attitude towards life will continue without being too interrupted by useless fears and disappointments. With Kasper I’ve often talked about what could be the ideal situation to welcome a small new one and often we have fallen into the thought of "we must have this", "we must live there", "we must have a steady job”, we must... The "we must have" to satisfy the expectations of society has often trapped us. For us it was important to sit down after a long meditation, to talk and share and write down everything that makes us happy, from physical objects to situations, to places to people. This exercise has helped us a lot to refocus on ourselves. We’ve reached this sort of conclusion that nothing is definitive and that we are always in an evolutionary state. This does not mean to live nomadically, but rather to leave more up to life and to the lives of the people we love to open up doors to continue the exploration of life. And of course to keep high the enthusiasm of curiosity. For us this also means that once the new one is born, we will not throw away our plans and dreams for the future, but rather we will realize them all together as a common journey towards "mistakes", "learning", "news”...

Image 2018-03-05 12_03_16.37 PM.jpg

Will I be ready for this new phase? Will I have all the necessary things? Will I be sufficiently informed and prepared about everything I need?

How would I answer now calmly? "You will know it by living it”, hehe! I have often thought about how many useless things you think are necessary for such a small creature who wants to discover the world little by little with very minimal necessities. Kasper has even taken on this personal challenge to show how much it can in fact cost little to have children. We have long thought about the things we need and we have agreed to as far as possible to use only recycled objects / clothes / games etc. We asked people close to us to hold back on gifts, because if you like it or not, you always get too many and we want to do everything possible to have less things unused and even worse lots of plastic. There are various ways to follow this lifestyle, and we don’t belive that putting on used clothes on your child makes you a bad parent. It's a good step, which was inspired by talks with other people who have decided to take this decision also. It’s easy: spread the word in your social circles, and someone always jumps out who wants to give away the 20 bags of clothes of the now grown children they have left and does not know what to do with it. In Denmark there are websites where you can register to rent clothes for your pregnancy and the child for as long as you need (like Vigga). The monthly cost is really low compared to what you would spend even in an H&M store and even more, the clothes are made of organic cotton!

So with all these options nowadays I would say that it is no longer necessary to buy the new baby car for €1000 and contribute even more to the further consumption of plastic of this dear planet. At least we believe this.

Prepare mentally.

The best exercise to connect with the baby inside has been and still is meditation. For those not familiar with this practice, it can simply be sitting in a comfortable position, closing your eyes and letting the mind relax in the silence of nothingness. Let the thoughts float without judging them, accompany them with deep breathing and let the mind be. When I still did not feel the movements of the child and I became a little bit nervous, this exercise was particularly helpful to connect with the baby and my body.

From the beginning I also collected small objects and pieces of nature precious to me and so I created a mini altar that has always accompanied me on this deep journey. I know that this is my sacred place for meditation and for me. On the altar there are: a jasper egg given by my best friend, a symbol of fertility and excellent stone to relax and contribute to the peace of a place, a ribbon with knots to keep track of the growth of my belly, two bells and pom pom given by my mother a symbol of mother and father, a figurine of a pregnant couple given by Kasper's sister and a pair of white handknitted baby socks for the little koala.

Listening has also been and is an essential element for me, it still is. Listening to my body and connecting with its needs: move or relax, feel its strength, accept its changes and use them as lessons to become stronger. Also listening to the child in its movements and needs. Listening to Kasper and giving space to a dialogue to share this phase of change. And don’t assume that the partner necessarily lives this experience less intensely because he ”doesn’t carry a life in the womb”. Kasper is experiencing this phase in strong connection with me, and we do not take anything for granted. We talk about things whenever necessary, trying to be careful not to neglect our relationship.

Fear: are not you afraid? Of the birth, of the after, of the ...

Instinctively I have to say NO, absolutely not - but perhaps because my path of gaining knowledge and research on childbirth has been a bit special. In recent years I have become more and more interested in the prenatal stage of women, especially in connection with movement, with holistic disciplines and ancestral rituals. I started to inform myself a lot, especially after having had not too positive experiences with gynecological doctors who instead of providing me with adequate information, answered my questions and doubts as a woman in a vague or joking way or even with expressions like: "you are still too young to worry about these things, think about finishing your studies". To be clear, my doubts were often related to my fertility and the need to know exactly why I suffered from polycystic ovaries and fibroids. This created in me a sense of despair and I felt a strong sense of injustice, nobody treated me like a woman and I was 20 years old. At school no one had ever taught me anything about these things and the famous hours of sex education had never existed in my experience. All of this in Italy.

My knowledge was based on: "do not get pregnant because it’s make everything a big mess", "the birth is a terrible experience”, given to me and underlined by any movie in which you’ve seen a woman in  labor and stories of women who barely wanted to share the experience, "If you do not want to get pregnant you have to take the pill", "the cycle hurts most women, every damn month", "if you're going to have children in the next 7 years, you'd better not mention that during a job interview, you never know but you are often asked that" (and so it was for me also). This was my knowledge and my elemental education for being a women mostly based on clichés. I could not bear the idea of not knowing more. Why are we women condemned to all these terrible pains? There had to be one positive thing, just one positive thing about being a woman, somewhere. I started to investigate my little pathologies and understand why my cycle was so painful. I started practicing yoga daily and dancing. Feeling more and more physically strong and free to let my body express itself, and little by little it led me to "know more".

Being a woman is not a condemnation, but rather an incredible opportunity, almost a gift. I understood this by letting my body dance, letting the judgments step by step slip away and finally put the attention on me, my spirit and body. This has fought so many barriers of ignorance that I had and questioned all those clichés that I had heard for years. When I left for South America a year and a half ago with Kasper, I knew that this would be a turning point for me in my pursuit of understanding womenhood. I started a process of "healing" and cleansing out everything that did not make me strong. I met several people who helped me to give me great lessons on this theme. And then on December 31st in Mexico I received a message that told me that I had the opportunity to attend a professional course for prenatal yoga teachers in Peru. There I understood that this was yet another sign. The course gave me several tools and knowledge that I would never have imagined. The women I met in South America also actively participated in my new training. At the end of my journey I realized that fear, yes, the fear of being a woman derives from the uncertainty of many cultures in accepting the power of the woman's sacredness in bringing a life into her womb. Childbirth? It is just a part of this incredible power, as well as the menstrual cycle, a sweet monthly reminder of the super powers of a woman. This was my conclusion, nature does it by itself and for my part I believe it’s the dear Pacha Mama, the divine force of the earth that regulates these phases and cycles with the moon. Nothing exists by chance and certainly we were not born to suffer. Maybe it's good to remember it from time to time. And...it also drives fear away.


 Settimana 31: Domande e riflessioni

Image 2018-03-05 12_09_12.33 PM.jpg

Durante le vacanze di Natate Kasper ed io abbiamo deciso di prenderci qualche giorno di vacanza da molti chiamato "Babymoon", ero molto decisa all'idea di passare un paio di settimane in Thailandia, la nostra seconda opzione era l'Oman. La prima scelta a parte la bellezza del luogo, voleva farci ritornare in questo Paese meraviglioso e pieno di possibilitá, giá mi immaginavo di ricevere sessioni di massaggio ogni giorno e bermi acqua di cocco ogni mattina, ma il viaggio dalla Danimarca era decisamente troppo lontano, il piú breve che avremmo potuto permetterci era di ben 15h minimo. La seconda opzione é saltata fuori dopo varie ricerche per Paesi "family friendly" dove si potessero sí fare escursioni, ma anche stare in totale relax e dove anche le condizioni igieniche fossero alte, era tutto perfetto quando poi peró abbiamo scoperto che non é proprio cosí semplice fare un tuffo in bikini in mare e questa era una delle mie necessitá, far respirare la mia panciona e stare un po' all'aria aperta con meno di 5 strati. Abbiamo cosí optato per le Canarie, Tenerife, ci sembrava un ottimo compromesso, vicino all'Africa e quindi con sole, anzi parecchie ore di sole! Mare, fresco, possibilitá di fare tutti i tuffi che si vogliono in bikini o senza, ottimo cibo, opzione economica ed escursioni incredibili.

Ed eccoci qua a bere un bel zumo fresco e mangiare papaya, in un fantastico airbnb letteralmente sul mare. Magnifico, non potrei desiderare nulla di piú: il sole splende e ci stiamo rilassando poco prima di salire sul famoso vulcano Teide (non saliremo fino in cima peró).

Arrivare a Tenerife mi ha fatto tirare un bel sospiro, mi mancava il sole e la luce! So che ci si abitua ai ritmi e le stagioni del Nord, ma mi sembrava cosí strano avere un bel pancione e non poter far vedere un po' di sole alla creaturina in pancia. Ognuno ha i propri gusti, ma un salto al sole a gennaio o febbraio se si vive lassú é sí necessario, anche se non incinta!

In queste ultime settimane ho avuto parecchie riflessioni sulla gravidanza e maternitá in generale, a volte sono solo pensieri che si trasformano in riflessioni profonde e che sfociano in analisi filosofiche dal nulla, altre volte derivano da input esterni come libri, film, conversazioni etc. Ho passato momenti in cui quasi dovevo fermare qualcuno per strada per chiedere l'opinione, ci sono cosí tante cose che accendono il cervello ogni singolo minuto.

Cosí tante domande e questioni sul mio stato e sul famoso "dopo" che mi hanno quasi assalito...alcune ho deciso di metterle in standby e di concentrarmi sul vivere "qui e ora", altre ho deciso di condividerle qui.

La mia vita sará la stessa come donna dopo questo arrivo? E se cambierá tanto, in cosa e come?

Ho sentito varie storie ed é forse inutile porsi questa domanda. Mi immagino che sí la mia vita cambierá radicalmente perché saró madre per la prima volta. Ancora non conosco nostro/a figlio/a e non so quanto potró fare di piú o meno rispetto a quello che ero abituata a fare. Una cosa che mi é certa é che questa nuova creatura avrá bisogno di tanta attenzione e amore. Le nostre attivitá quotidiane cambieranno, cosí come i nostri ritmi e sono molto consapevole di ció. Spero di continuare le mie avventure in compagnia del nuovo/a arrivato/a, in famiglia e che il "crescere" sia una fase al quale tutti parteciperemo. Sento infatti di aver ancora molto da imparare e condividere col mondo e questo mi pone in una situazione molto simile a quella di un bambino, di curiositá ed entusiasmo. Mi auguro che questo atteggiamento verso la vita continui senza essere troppo interrotto da inutili paure e disappunti.

Con Kasper abbiamo spesso parlato di quale potesse essere la situazione ideale di accogliere un piccolo essere vivente e spesso siamo siamo caduti nel pensiero di "dobbiamo avere questo", "dobbiamo vivere lá", "dobbiamo avere un lavoro fisso", il "dobbiamo avere" per accontentare le aspettative della societá spesso ci ha intrappolati. Per noi é stato importante sederci a tavolino dopo una lunga meditazione, a conversare e condividere nero su bianco tutto ció che ci rende felici, dagli oggetti fisici alle situazioni, ai luoghi, alle persone. Questo esercizio ogni settimana ci ha aiutato molto a ricentrare le nostre propritá. Siamo arrivati a questa specie di conclusione che nulla é definitivo e che siamo sempre in stato evolutivo, ció non significa vivere nomadicamente, ma bensí lasciare alla propria vita e alla vita delle persone che amiamo delle porte aperte per continuare la propria esplorazione della vita per mantenere acceso l'entusiasmo della curiositá. Questo per noi significa anche che una volta nata la nuova creatura, non butteremo all'aria in nostri piani e sogni per il futuro, ma anzi li realizzeremo tutti insieme come un viaggio comune verso "errori", "apprendimenti", "novitá"...

Saró pronta per questa nuova fase? Avró tutte le cose necessarie? Saró informata a sufficienza su tutto?

Come mi risponderei ora con calma? "Lo saprai vivendo" hehe! Ho spesso pensato a quante cose inutili si pensi siano necessarie all'arrivo di un bimbo cosí piccolo che vuole in realtá solo scoprire il mondo poco a poco. Kasper si é addirittura data questa sfida personale di dimostrare quanto possa in realtá costare poco avere figli. Abbiamo riflettuto a lungo sulle cose di cui abbiamo bisogno e abbiamo in comune accordo deciso di utilizzare solo oggetti/vestiti/giochi... riciclati, abbiamo chiesto alle persone a noi vicine di risparmiare regali, perché volendo o no, se ne ricevono sempre troppi e desideriamo fare il possibile per avere meno cose inutilizzate e magari pure di plastica. Ci sono vari modi per seguire questo stlile di vita: anzitutto il pensiero che mettere vestiti usati a tuo figlio non ti renda un cattivo genitore, é giá un buon passo. Secondo parlare con altre persone che hanno deciso di intraprendere questa decisione e farsi consigliare. Terzo spargere la voce tra chi si conosce, salta sempre fuori qualcuno che vorrebbe dar via i 20 borsoni di vestiti dei figli ormai grandi e non sa che farsene. Quarto in Danimarca (ancora non so se in Italia c'é) esistono siti dove con un'iscrizione minima é possibile noleggiare i vestiti per la gravidanza e il bambino fino a quando lo si necessita e il costo mensile é davvero ridicolo in confronto a quello che si spenderebbe anche in un negozio tipo "H&M" e in piú i vestiti sono in cotone biologico!

Insomma con tutte queste opzioni al giorni d'oggi direi che non é piú necessario comprare la carrozzina nuova a 1000€ e contribuire all'ulteriore consumo di plastica in questo povero mondo.

Prepararsi mentalmente.

Inutile ribadire che l'esercizio migliore per connettermi con la creaturina é stata e lo é tutt'ora la meditazione. Per chi non fosse famigliare con questa pratica puó semplicemente significare: sedersi in una posizione comoda, chiudere gli occhi e lasciare che la mente si rilassi nel silenzio del nulla, lasciar fluttuare i pensieri senza giudicarli, accompagnarli con profonde respirazioni e lasciare che la mente sia. Quando ancora non sentivo i movimenti del piccolo/a e iniziavo a preoccuparmi, questo esercizio mi é stato particolarmente d'aiuto.

Sin dall'inizio ho raccolto piccolo oggetti e pezzetti di natura a me preziosi e ho cosí creato un mini altare che mi ha sempre accompagnato in questo viaggio profondo, so che quello é il mio luogo sacro per la meditazione e per me. Sull'altare ci sono: un uovo in diaspro regalato dalla mia migliore amica, simbolo di fertilitá e ottima pietra per rilassare e contribuire alla pace di un luogo, un nastro con i nodi per tenere monitorata la crescita della mia pancia, due campanellini e pom pom regalati da mia madre simbolo di madre e padre, una statuina di una coppia incinta regalata dalla sorella di Kasper e un paio di babbuccine fatte a mano da mia mamma per il piccolo koala.

L'ascolto inoltre é stato ed é un elemento essenziale per me, lo é tuttora. Ascoltare il mio corpo e connettermi con le sue necessitá: muovermi o rilassarmi, sentirne le forze, accettarne i cambiamenti e viverli come insegnamenti per diventare piú forti. Ascoltare anche il piccolo/a nei suoi movimenti e nelle sue necessitá.

Ed anche e soprattutto ascoltare Kasper e dare spazio a un dialogo di condivisione di questa fase di cambiamento. Dare per scontato che il partner viva necessariamente questa esperienza in maniera meno intensa perché "non porta una vita nel ventre", é un atteggiamento che ho spesso riscontrato; Kasper sta vivendo questa fase in connessione forte con me. Non diamo per scontato nulla e ne parliamo ogni qualvolta sia necessario, cercando di fare attenzione a non trascurare la nostra relazione.

Image 2018-03-05 12_03_16.31 PM.jpg

La paura: non hai paura? Del parto, del dopo, del...

Cosí a getto? Mi viene da dire NO, assolutamente, ma forse perché il mio percorso di conoscenza e ricerca sul parto é stato un po' particolare. Negli ultimi anni mi sono sempre piú interessata alla fase prenatale della donna soprattutto in connessione col movimento, con le discipline olistiche e i rituali ancestrali. Ho iniziato ad informarmi parecchio soprattutto dopo aver avuto esperienza non troppo positive con medici ginecologi che al posto di fornirmi informazioni adeguate, rispondevano alle mie domande e dubbi di donna in maniera vaga o con battute o con espressioni del tipo "sei ancora giovane per preoccuparti di queste cose, pensa a terminare gli studi". Per intenderci i miei dubbi erano spesso legati alla mia fertilitá e alla necessitá di sapere esattamente per quale motivo soffrissi di ovai policistici e di fibromi. Questo ha cosí creato in me un senso di sconforto e ricordo sentissi un forte senso di ingiustizia, nessuno mi trattava come una donna ed avevo 20 anni. A scuola nessuno mi aveva mai insegnato nulla di queste cose e le famose ore di educazione sessuale, non erano mai esistite nella mia esperienza. Tutto ció in Italia.

Le mie conoscenze si basavano su: "non rimanere incinta perché poi son casini", "il parto é terribile", dati per me rielaborati da qualsiasi film in cui si mostri una donna con le doglie e da storie di donne che a mala pena volevano condividere la propria esperienza, "Se non vuoi rimanere incinta devi prendere la pillola", "il ciclo fa male alla maggior parte delle donne, ogni maledetto mese", "se hai intenzione di aver figli nei prossimi 7 anni, é meglio che non dici che sei fidanzata ad un colloquio, non si sa mai, te lo chiedono spesso" (e cosí é anche stato)... Queste erano le mie conoscenze e le mie basi di educazione di donna. Non sopportavo l'idea di non saperne di piú. Perché siamo noi donne condannate a tutte queste terribili pene? Una cosa positiva, dico, una sola riguardo l'essere donna doveva pur comparire da qualche parte. Ho iniziato ad indagare sulle mie piccole patologie e capire perché il mio ciclo fosse cosí doloroso. Ho iniziato a praticare yoga quotidianamente e danza. Il sentirmi sempre piú forte fisicamente e libera di lasciar esprimere il mio corpo poco alla volta mi ha portato a "sapere di piú".

Esser donna non é una condanna, ma bensí un'opportunitá incredibile, quasi un dono. L'ho capito lasciando danzare il mio corpo, lasciando che i giudizi poco alla volta mi scivolassero e via e finalmente ponessi l'attenzione su di me, il mio spirito e corpo. Questo ha combattuto tante barriere di ignoranza che avevo e messo in discussione tutti quei luoghi comuni che per anni avevo sentito. Quando sono partita per il Sud America un anno e mezzo fa con Kasper, sapevo che quello sarebbe stato un viaggio di svolta per me nella mia ricerca sul femminile. Ho iniziato un processo di "sanazione" mia e di pulizia da tutto ció che non mi rendeva forte. Ho incontrato parecchie persone che proprio su questo tema hanno contribuito a darmi grandi lezioni. Fino a quando in Messico il 31 dicembre ricevo un messaggio in cui ho la possibilitá di partecipare a un corso professionalizzante per insegnante di yoga prenatale in Peru. Lí ho capito che quello era ancora un altro segno. Il corso mi diede parecchi strumenti e conoscenze che mai avrei immaginato. Le donne incontrate in Sud America hanno anche loro partecipato attivamente alla mia nuova formazione. Alla fine del mio viaggio ho capito che la paura, sí, la paura di essere donna deriva dall'incertezza di molte culture nell'accettare la potenza della sacralitá della donna nel portare una vita in ventre. Il parto? È solo parte di questo potere incredibile, cosí come il ciclo mestruale, un dolce ricordo mensile della super potenza di una donna. Questa é stata la mia conclusione, la natura fa da sé e nel mio caso credo che sia la cara Pacha Mama, la forza divina della terra che regola con la luna queste fasi e cicli. Niente esiste per caso e di certo non siamo nate per soffrire. Forse é giusto ricordarselo ogni tanto. E questo fa pure scacciare la paura.